Greta Thunberg, la ragazza svedese che lotta per il clima.

Scaviamo insieme nella vita di Greta Thunberg.

Greta Thunberg è ormai diventata il volto di tutte quelle nuove generazioni che combattono e protestano per i danni irreparabili causati al clima.

Ma perchè Greta Thunberg ha iniziato questa sua lotta contro l’inquinamento?

Dopo un estate molto calda per il suo paese che causò frequenti incendi e problemi, Greta, prese la decisione di protestare per spingere il proprio paese a ridurre le emissioni di carbonio.

Come iniziò la sua protesta?

Inizialmente divenne famosa per le sue manifestazioni a Stoccolma, tenute davanti al Parlamento svedese, mostrando il suo cartello con scritto Skolstrejk for klimatet (Scioper della scuola per il clima)

Nel 2018 decise di non andare a scuola fino alle elezioni e,come già detto in precedenza, iniziò a recarsi ogni giorno davanti al Parlamento per protestare.

Passavano i giorni e Greta si mostrava in bella vista davanti all’edificio del governo svedese, con il solito cartello che spiegava che la scuola era in sciopero per il clima.

Terminate le elezioni, decise di non mettere da parte il suo impegno e di continuare a manifestare, presentandosi ogni venerdì di fronte al Parlamento.

In tutto il mondo gli studenti hanno iniziato a seguire l’esempio di Greta, tant’è che in Australia i giovani hanno cominciato ad organizzarsi per i “venerdì di sciopero per il clima” .

Il 15 marzo 2019, dopo che l’attivista avesse chiesto a tutti gli studenti del mondo di scendere in piazza per mostrare quanto sia importante invertire subito la rotta, in ben 2052 città si sono svolte delle manifestazioni di protesta.

Greta Thunberg è diventata il volto della consapevolezza ambientale.

Il suo impegno per la lotta contro il climate change e in favore di uno sviluppo sostenibile l’hanno così resa un’icona delle battaglie ambientalistiche di tutto il mondo, riuscendo a mobilitare migliaia di ragazzi per la causa.

Nel suo curriculum non mancano sicuramente le proteste davanti agli uomini più importanti della Terra.

Il 4 dicembre del 2018 ha preso parte a COP24, vertice delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, che si è svolto a Katowice, in Polonia.

Ha spiegato quanto sia importante agire il prima possibile per riuscire a salvare ciò che ancora non si è distrutto e sperare che questo sia sufficiente.

 Greta Thunberg
Greta Thunberg

Ovviamente, non ha usato mezzi termini nel rimproverare i leader di mezzo pianeta, affermando che i problemi che si hanno non sono altro che la smania di continuare a produrre il lusso in cui pochi vivono, mettendo a rischio la vita di tutti gli abitanti della terra.

Anche a Davos al Forum Economico Mondiale e all’ ONU , in occasione della conferenza sul clima, ha descritto la situazione in cui ci troviamo e ha spiegato che vuole la massima collaborazione da parte di tutti.

“Come se la vostra casa fosse in fiamme, voglio che andiate nel panico”

La sua candidatura al Nobel e la sindrome di Asperger

L’impegno di Greta Thunberg per il clima, non è passato inosservato e la ragazza è stata proposta per il Nobel per la pace. Lei si è detta onorata per la proposta.

Greta non perde occasione per mostrare al mondo quanto sia questo il momento di agire e di far sentire la sua voce.

Non tutti sanno che Greta Thunberg sta combattendo un’altra battaglia da quando è nata,

La sindrome di Asperger.

Riassumo questo disturbo per chi non lo conoscesse: è imparentato con l’autismo, non porta però ad avere ritardi nell’apprendimento o ritardi cognitivi.

Le persone che soffrono di questo morbo tendono ad avere disturbi ossessivo- compulsivi.

Nonostante questo la sua battaglia per il clima va avanti ininterrottamente, reclutando giorno dopo giorno sempre più ragazzi.

Onore a Greta Thunberg che combatte per una giusta causa.

Ti è piaciuto l’articolo?

Supportaci con una donazione!

Visita il nostro sito

facebook ecoland
facebook ecoland
instagram ecoland
instagram ecoland