Inquinamento dei mari e delle acque,tutte le informazioni.

inquinamento dei mari

Quando si parla di inquinamento dei mari è bene fare un chiarimento per capire perchè è cosi importante,

sulla superficie terrestre ci sono circa un miliardo e mezzo di metri cubi di acqua, la maggior parte di questi ,cica il 97% è costituito da acqua salata quindi dei mari,

il 3% rimanente invece è formato da acqua dolce quindi fiumi, laghi, e ghiacciaie acque sotterranee.

Generalmente consideriamo l’acqua un bene senza limiti, e che per l’appunto si può suddividere in due soli tipi salata e dolce.

Invece però possiamo dividere le acque in base a varie caratteristiche:

  • Temperatura, colore, torbidità (caratteristiche fisiche)
  • Percentuale di sali, di gas, di prodotti chimici (caratteristiche chimiche);
  • presenza di microrganismi ed esseri viventi (tipo biologico)

Di conseguenza per inquinare l’acqua si intende qualsiasi modifica delle sue caratteristiche affinche non sia più adatta allo scopo a cui era destinata.

tutela delle acque
tutela delle acque

Modalità di inquinamento delle acque

  • Da plastica,causato dai rifiuti plastici più o meno grandi
  • Civile,derivante quindi dagli scarichi delle case e si riversa senza alcun trattamento di depurazione nei corsi d’acqua o in mare;
  • Industriale: Che si forma con il disperdersi di sostanze chimiche o tossiche derivanti da fabbriche ed industrie
  • Agricolo: Spesso l’uso smodato e sbagliato di pesticidi e fertilizzanti, che penetrano nel terreno e inquinano le falde acquifere.

Certe sostanze di tipo chimico che sono presenti nell’acqua sono particolarmente dannose

per la salute dell’uomo e per quella di flora e fauna, come alcuni metalli (cromo, mercurio) o solventi.

Leggi anche: Quante bottiglie di plastica vengono prodotte all’anno?

Inquinamento dei mari e delle acque le cause

Spesso gli scarichi delle industrie e simili hanno all’interno una enorme quantità di componenti inquinanti

e sono composti in modo vario in base al campo industriale ed al tipo dei prodotti creati.

inquinamento dei mari foto

Le modifiche che apportano sull’ambiente sono complesse:

Molto spesso le sostanze inquinanti e tossiche prodotte rinforzano recia vicenda i propri effetti dannosi e quindi accrescono il loro danno coplessivo.

I fertilizzanti chimici utilizzati nel settore agricolo e il materiale organico di scarto prodotto dagli allevamenti sono pieni di sostanze e che,

disperse dalla pioggia, finiscono nelle falde acquifere o nei corsi d’acqua.

L’inquinamento dei mari è per lo più proveniente dalla terra,

in particolar modo è una conseguenza del mescolarsi di acqua di scarto delle industrie nei fiumi, che trasporteranno le sostanze inquinanti el la plastica al mare.

oppure l’inquinamento dei mari proveniente da..

Inquinamento dei mari causato da rifiuti in plastica

Purtroppo quelle caratteristiche che fanno della plastica così utile e sempre impiegabile, come la resistenza e la durata nel tempo,

rendono questo materiale di molto difficile degradazione.

Si prevede per questo motivo che, senza apportare cambiamenti al nostro modi di vivere nelle modalità di produzione e gestione dei rifiuti plastici, 

entro il 2050 un enorme quantità di plastica di all’incirca 12.000 Mt di plastica si sarà accumulata in discariche e nell’ambiente.

al giorno d’oggi si pensa che dai 4 ai 12 milioni di tonnellate di plastica arrivino negli oceani ogni anno.

Da questi rifiuti, i 4/5 sono trasportati tramite l’azione del vento, dei fiumi e degli scarichi delle città,

quindi tramite il nostro consumo umano giornaliero, invece la quantità rimanente è prodotta direttamente dalle navi.

Inquinamento dei mari

Il nostro pianeta minacciato

La plastica finisce così a galleggiare nei nostri mari, generando delle vere e proprie isole di rifiuti,

come per esempio la Plastic Island o la Great Pacific Garbage Patch.

Avviene quindi il rilascio di micro-particelle tossiche che gli animali scambiano per cibo,

Con il rischio di soffocare, ammalarsi o rimanere impigliati nei rifiuti più grandi come le reti fantasma.

E’ stato calcolato infatti che oltre 700 specie marine rischiano a causa dell’accumulo di rifiuti e materiali plastici nei mari.

Non si devono tralasciare neanche le conseguenze negative in tema economico,

considerando che gli oceani sono importantissimi in numerosi ambiti quali la pesca, il trasporto, le comunicazioni, il turismo e la produzione di energia.

e-commerce prodotti ecologici
e-commerce prodotti ecologici

Le tossine ingerite dalla plastica dagli animali marini e finiscono quindi sulle nostre tavole e in ciò che beviamo, avvelenandoci lentamente.

Si stima infatti che ingeriamo più o meno 5 grammi di microplastiche a settimana; l’equivalente circa il peso di una carta di credito.

Alcuni tipi di inquinamento hanno origine in mare..

La più grande causa di inquinamento che ha origine in mare è quello da idrocarburi,

soprattutto le petroliere che spesso riversano enormi quantitativi di petrolio in acqua.

Leggi anche: Quali sono tutti i tipi di inquinamento?

Un fatto accaduto che ne è l’emblema è senza dubbio il disastro ecologico causato dall’affondamento della Prestige,

nave carica di petrolio, affondata in prossimità delle coste spagnole.

Queste situazioni hanno fatto gravi problemi ambientali e grandissimi danni all’uomo e alla salute per l’arrivo sulle coste delle sostanze inquinanti.

Inquinamento off-shore

Tutti gli inquinamenti lontani dalle coste; spesso provocati dal riversamento consapevole durante il lavaggio delle cisterne

o da incidenti navali marittimi causati da tempeste o incidenti alle piattaforme d’estrazione.

Inquinamento dei mari costiero

Questa è la forma di inquinamento più pericolosa di tutte,molto complicata sa da risolvere dopo che entra in contatto con la costa.

Motivate dal basso fondale del mare, le varie operazioni di bonifica e risoluzione sono molto difficili;

Inoltre risulta inutile l’utilizzo di vari macchinari..

Qui è necessario l’intervento umano con interventi manuali

Inquinamento subacqueo

Di solito come conseguenza di un incendio quando la parte leggera dell’idrocarburo evapora mentre la parte più pesante cade in mare finendosul fondale.

Le conseguenze di questi disastri possono durare decine di anni.

e-commerce prodotti ecologici
e-commerce prodotti ecologici

Per queste e moltre altre informazioni seguici su

instagram ecoland
instagram ecoland
facebook ecoland
facebook ecoland

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *