L’età della plastica, una nuova era.

l'età della plastica

Siamo entrati nell’età della plastica ,il 12 settembre sarà la Giornata mondiale senza sacchetti di plastica, un’occasione per riflettere sulla non necessità delle buste di plastica monouso nei supermercati, sostituibili con borse riutilizzabili.

Questa ricorrenza è stata istituita nel 2009 dalla Marine Conservation Society,

un’organizzazione no-profit che vigila sulla salute degli ecosistemi marini:

sono proprio gli oceani a ricordarci che, nella lotta contro l’inquinamento da plastica, siamo indietro anni luce.

Un nuovo studio su un campione di sedimenti oceanici pubblicato su Science Advances rivela infatti che dagli anni ’40 del Novecento ad oggi,

la concentrazione di residui di plastica nel pavimento oceanico è raddoppiata ogni 15 anni:

la crescita delle quantità di fibre e frammenti rispecchia fedelmente la diffusione dei materiali plastici degli ultimi 70 anni.

Secondo gli scienziati della Scripps Institution of Oceanography dell’Università della California di San Diego, che hanno guidato la ricerca,

dopo le Età del Bronzo e del Ferro siamo entrati nell’Età della Plastica.

Tutta colpa nostra

Lo studio ha esaminato le annuali stratificazioni in un campione prelevato oltre un chilometro e mezzo al largo della costa di Santa Barbara, in California.

Il bacino si trova non lontano da un’area abitata da 4 milioni di persone (Los Angeles)

ma è allo stesso tempo povero di ossigeno per l’andamento locale delle correnti:

non ci sono animali che possano scavare nei sedimenti e alterarne la composizione.

Il campione è lungo 36 centimetri e comprende i sedimenti stratificati sul fondale oceanico dal 1834 al 2009.

È stato estratto nel 2010 ma non c’è il rischio che, nel frattempo, il nostro inquinamento da plastica sia diminuito.

L’aumento di particelle di plastica è parso esponenziale, e strettamente legato alla diffusione del materiale e all’aumento di popolazione nella California meridionale.

Nel più recente degli strati analizzati, la concentrazione di plastica era di 40 particelle all’anno per ogni “quadrato” di sedimenti oceanici di 10×10 cm per lato.

Più vestiti che plastica.

La maggior parte dei residui trovati, due terzi delle particelle, è costituita da fibre di plastica dei materiali sintetici usati nell’abbigliamento:

una conferma del fatto che manca, al momento, un sistema di filtraggio adeguato di questi residui,

che attraverso le acque reflue finiscono direttamente in mare.

Un quinto dei frammenti di plastica nei sedimenti oceanici era composto da particelle di altri materiali plastici degradati;

la pellicola di plastica era all’origine di un decimo dei residui.

L’età della plastica, una relazione tossica

Quella osservata dagli scienziati è una “firma” molto chiara.

La prova che la plastica è finita nei sedimenti praticamente da subito, nei primi anni della sua diffusione globale

(dal 1945 in poi: ma in misura minore si usava anche prima).

«Il nostro amore per la plastica è rimasto nei residui fossili» ha detto Jennifer Brandon, prima autrice dello studio.

Non sappiamo che effetto abbia sugli organismi che popolano i fondali, come i molluschi, né sul corpo umano che di quegli stessi organismi si nutre:

si pensa che attraverso cibo e acqua, introduciamo nell’organismo 50 mila particelle di plastica all’anno.

e-commerce prodotti ecologici
e-commerce prodotti ecologici

nel caso volessi continuare a leggere di argomento ambiente visita il nostro blog.

Oppure prova a cambiare le tue abitudini,

prova a cambiare i prodotti che utilizzi quotidianamente..se ti va visita il nostro shop.

ECOLAND.IT

ISPIRA IL CAMBIAMENTO

instagram ecoland
instagram ecoland
facebook ecoland
facebook ecoland

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *