Quanto inquinano gli imballi in plastica?

Quanto inquinano gli imballi in plastica?

Siamo prigionieri di un mare di imballi di plastica e il riciclo ormai non basta.

Sta cambiando nel mondo del packaging e dei materiali a contatto con gli alimenti?

Sicuramente si.

Anche se, chi effettua raccolte separate non può fare a meno di notare che i sacchetti di plastica si riempiono sempre velocemente.

Immagina che in Italia beviamo 11,5 miliardi di litri d’acqua in bottiglie di plastica ogni anno!

Poi ci sono bottiglie di detersivo e shampoo, vassoi per frutta e verdura, vasetti per yogurt e contenitori per uova, e sacchetti per pasta e surgelati.

I materiali plastici, ricavati dal petrolio, sono economici, versatili, leggeri e resistenti… così resistenti che non sappiamo più come liberarcene.

Di conseguenza, frammenti di plastica grandi e piccoli sono stati trovati in tutti gli oceani, fiumi e laghi e, secondo il rapporto di Legambiente “Beach Litter 2018”, il 96% delle spiagge monitorate conteneva bottiglie di plastica per bevande.

Nei supermercati viene dato sempre più spazio agli imballi in plastica sempre più piccoli e ai piatti pronti monodose, come insalate, zuppe o macedonie, vendute spesso insieme a un set di posate (di plastica!).

Come si è pensato d’intervenire per controllare l’utilizzo e la produzione di imballi in plastica?

Da diversi anni i sacchi “pesanti” utilizzati per il trasporto di merci devono essere prodotti con materiali compostabili.

Dal 1 gennaio 2018 sono entrati in vigore l’utilizzati di sacchi leggeri per alimenti sfusi (ittici, macelli, panifici e settori ortofrutticolo).

Lo scorso ottobre il Parlamento europeo ha approvato una nuova direttiva sulla plastica monouso con l’intento di innescare una vera e propria inversione di tendenza.

Il primo obiettivo è sostituire la plastica con materiali biodegradabili in tutti gli articoli usa e getta che possono utilizzare materiali alternativi (come piatti, posate e tamponi di cotone), ma possono essere utilizzati anche contenitori per alimenti in polistirolo (come quelli dei fast food).

Viene anche sancita la necessità di potenziare la raccolta delle bottiglie di plastica (in Pet), gli oggetti che si trovano più frequentemente sulle spiagge.

Quanto inquinano gli imballi in plastica?
Quanto inquinano gli imballi in plastica?

Qual’è la strada da percorrere?

La via da seguire porterà inevitabilmente a una sempre maggiore riduzione dell’utilizzo di plastiche e di materiali compostabili, perché non mancano i materiali riciclabili.

La situazione attuale è che la quantità di plastica raccolta attraverso il riciclaggio continua ad aumentare, ma il riciclaggio non è molto efficace.

Le ragioni sono diverse.

Materiali diversi vengono mescolati in contenitori di raccolta in plastica, ei materiali che si possono ottenere attraverso il riciclaggio in questo modo non sono di alta qualità.

Per gli articoli realizzati con materiali riciclati non bisogna dimenticare che le norme di sicurezza per i materiali che vengono a contatto con gli alimenti sono molto rigide: solo le plastiche riciclate che soddisfano requisiti speciali possono entrare in contatto con gli alimenti.

Perché potrebbe essere contaminato durante il processo di riciclaggio.

Insomma, per poter controllare il problema della plastica, possiamo farlo scegliendo meno imballaggi che possono interessare prodotti minori (magari riciclabili o compostabili), leggere le istruzioni raccolte separatamente e gestirle correttamente.

Evita di sprecare bottiglie preziose o meglio utilizza borracce riutilizzabili in acciaio inox.

e-commerce prodotti ecologici
e-commerce prodotti ecologici

nel caso volessi continuare a leggere di argomento ambiente visita il nostro blog.

Oppure prova a cambiare le tue abitudini,

prova a cambiare i prodotti che utilizzi quotidianamente..se ti va visita il nostro shop.

ECOLAND.IT

ISPIRA IL CAMBIAMENTO

instagram ecoland
instagram ecoland
facebook ecoland
facebook ecoland

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *